Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

Problemi sociali

Un dibattito appassionato quello realizzato nell'aula dei gruppi parlamentari della Camera, grazie alla presentazione del libro Paoline: "Il coraggio della libertà. Una donna uscita dall'inferno della tratta".

Confini, frontiere, muri: eppure il mare continua a permettere che le onde si infrangano su ogni spiaggia, e con le onde uomini e donne. Il mare è una frontiera naturalmente aperta che non può che accogliere. E questo lo sa bene ogni isolano, lo sanno bene gli abitanti di Lesbo, isola greca in cui i Giusti continuano ad anteporre il bene di ogni fratello a una burocrazia troppo lontana dall'umanità.

Cos'è la tratta e perché ha il gusto amaro dell'inferno? Qual è il volto e la storia dei nuovi schiavi di questi anni? Chi deporta e vende vite altrui come oggetti? Chi sono quelle giovani donne che, con inganno, vengono portate in Italia e costrette alla prostituzione? E poi... da quell'inferno si può uscire?

È stata la rete di solidarietà "Fratello" - che opera in Francia attraverso associazioni che si dedicano proprio alle persone senza fissa dimora – a scrivere una lettera al Papa chiedendogli di poter partecipare a un Giubileo della Misericordia.

Parte 2 giorni prima del Giubileo dei Carcerati un'iniziativa solidale che permette a chi entra nelle Librerie Paoline di acquistare libri da donare ai carcerati.

Come San Francesco d'Assisi, Biagio Conte si è spogliato di tutto per dedicare la vita ai più poveri. La sua vicenda è raccontata nell'omonimo film di Pasquale Scimeca.

Cosa significa disabilità e di quante sfumature è pregna? Cosa c'è dietro la scelta volontaria di essere vicini a persone con problemi motori, fisici o psichici? Quanto l'amicizia, l'amore, la condivisione di sofferenze e speranza può rendere bella la vita? Myriam Altamore e i suoi amici ci aprono a nuove dimensioni di esistenza.

È inevitabile avere sogni e aspettative, su noi stessi, su chi amiamo, sul nostro futuro, su quello di figli, parenti, amici. Ma cosa succede quando qualcosa non va secondo i nostri programmi? Quando a sorprenderci è la malattia, la sofferenza, la disabilità? Esisteranno soluzioni percorribili?

Lacrime e speranza, si alternano e si rincorrono nella storia dei popoli da tempi immemorabili. Come in un'instancabile ricerca di salvezza si scappa dalla morte per cercare vita, pace, futuro. Interi popoli lo hanno fatto e continuano a farlo. E la storia, anche quella che noi vorremmo diversa, bussa alla nostra porta...

Il carcere. Il rumore della chiave che apre le porte blindate, l'aria stagnante, l'attesa dell'ora d'aria. Entrare in un carcere è come scendere nelle catacombe di una città dove persone e storie sono allontanate dalla vista. Eppure proprio da un modo nuovo di pensare a quel mondo e da nuove relazioni diventa possibile una giustizia nuova e decisamente capovolta.

Pagina 1 di 2
Newsletter