Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

Problemi sociali

Nella sua prefazione al volume Non sapevo che il mare fosse salato, Mons. Montenegro, presidente della Commissione Episcopale CEI per le Migrazioni, narra le impressioni ricevute leggendo le storie dei giovani profughi protagonisti del libro, come in un diario di viaggio.

Un dibattito appassionato quello realizzato nell'aula dei gruppi parlamentari della Camera, grazie alla presentazione del libro Paoline: "Il coraggio della libertà. Una donna uscita dall'inferno della tratta".

Confini, frontiere, muri: eppure il mare continua a permettere che le onde si infrangano su ogni spiaggia, e con le onde uomini e donne. Il mare è una frontiera naturalmente aperta che non può che accogliere. E questo lo sa bene ogni isolano, lo sanno bene gli abitanti di Lesbo, isola greca in cui i Giusti continuano ad anteporre il bene di ogni fratello a una burocrazia troppo lontana dall'umanità.

Cos'è la tratta e perché ha il gusto amaro dell'inferno? Qual è il volto e la storia dei nuovi schiavi di questi anni? Chi deporta e vende vite altrui come oggetti? Chi sono quelle giovani donne che, con inganno, vengono portate in Italia e costrette alla prostituzione? E poi... da quell'inferno si può uscire?

È stata la rete di solidarietà "Fratello" - che opera in Francia attraverso associazioni che si dedicano proprio alle persone senza fissa dimora – a scrivere una lettera al Papa chiedendogli di poter partecipare a un Giubileo della Misericordia.

Parte 2 giorni prima del Giubileo dei Carcerati un'iniziativa solidale che permette a chi entra nelle Librerie Paoline di acquistare libri da donare ai carcerati.

Come San Francesco d'Assisi, Biagio Conte si è spogliato di tutto per dedicare la vita ai più poveri. La sua vicenda è raccontata nell'omonimo film di Pasquale Scimeca.

Cosa significa disabilità e di quante sfumature è pregna? Cosa c'è dietro la scelta volontaria di essere vicini a persone con problemi motori, fisici o psichici? Quanto l'amicizia, l'amore, la condivisione di sofferenze e speranza può rendere bella la vita? Myriam Altamore e i suoi amici ci aprono a nuove dimensioni di esistenza.

È inevitabile avere sogni e aspettative, su noi stessi, su chi amiamo, sul nostro futuro, su quello di figli, parenti, amici. Ma cosa succede quando qualcosa non va secondo i nostri programmi? Quando a sorprenderci è la malattia, la sofferenza, la disabilità? Esisteranno soluzioni percorribili?

Lacrime e speranza, si alternano e si rincorrono nella storia dei popoli da tempi immemorabili. Come in un'instancabile ricerca di salvezza si scappa dalla morte per cercare vita, pace, futuro. Interi popoli lo hanno fatto e continuano a farlo. E la storia, anche quella che noi vorremmo diversa, bussa alla nostra porta...

Pagina 1 di 2
Newsletter