Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

Il cedro Simboli biblici In evidenza

Pubblicato in Conoscere la Bibbia
Scritto da 
07 Set 2017

L'albero di cedro, presente soltanto nell'Antico Testamento, ricorre 52 volte al singolare: «Il giusto fiorirà come palma e crescerà come cedro» (cfr. Sal 92) e 25 volte al plurale: «Pianterò cedri nel deserto» (cfr. Is 14,19).

I cedri crescono soprattutto nel nord sulla catena montuosa del Libano, dove sorgono le città di Tiro e Sidone, territorio confinante con la terra biblica (cfr. Sal 29,5; 36,7; 68,16; 92,13; 104,16). La maestosità del cedro nella Bibbia è simbolo di fermezza, di stabilità, di protezione ma, nella polivalenza del simbolo, indica pure l'orgoglio, l'arroganza e la pericolosità delle nazioni che, credendosi forti, possono colpire duramente i loro nemici: «l'Assiria era un cedro del Libano, bello di rami e folto di fronde, alto di tronco; fra le nubi era la sua cima» (cfr. Ez 31,1-2).

Il cedro è simbolo del giusto che, radicato nel Signore, trasmette bellezza e benessere e anche nella vecchiaia s'innalza in alto e produce frutti abbondanti (Sal 92,13-15); è anche simbolo della Sapienza divina: «Sono cresciuta come un cedro sul Libano, come un cipresso sui monti dell'Ermon» (Sir 24,13). La bellezza e robustezza del cedro evoca la bellezza dello sposo del Cantico dei Cantici (cfr. 5,15) paragonabile soltanto al Libano e ai suoi cedri, come pure della sposa che viene dal Libano (cfr. 4,8.11).

Il perdono di Dio è come una rugiada che disseta la pianta assetata - simbolo del popolo peccatore - e la rende rigogliosa come un cedro del Libano: «Sarò come rugiada per Israele; fiorirà come un giglio e metterà radici come un albero del Libano, si spanderanno i suoi germogli e avrà la bellezza dell'olivo e la fragranza del Libano». In questo testo il cedro è indicato come Libano, quasi da essere sinonimo (cfr. Os 14,6-7).

Il cedro è il legno che il re Davide utilizza per la costruzione del suo palazzo (2Sam 5,11) e, alla sua morte, dal figlio Salomone per costruire il Tempio (cfr. 1Re 5,20-25). Il cedro è così importante che indicare il tempo di pace e di benessere che caratterizzano il periodo del re Salomone al punto che i testi sacri dicono che la città era ricca di alberi di cedro e il loro legno prezioso era divenuto materiale comune (1 Re 10,27; 2 Cro 1,15; 9,27). Di fatto veniva comprato dal re di Tiro.

La bellezza e potenza del cedro indicano pure l'orgoglio che queste qualità nell'esercizio del potere possono generare, trasformandosi in arroganza (cfr. Dn 4,17-; Ez 31,3-14). I profeti criticano le nazioni straniere le quali appaiono belle e forti come il cedro, ma, di fatto, sono fragili perché Dio è capace di eliminarli così come il cedro può di essere tagliato, distrutto, bruciato (cfr. Zac 11, 1-3).

Da Sapere

Il profeta Geremia (22,15), servendosi del simbolo del cedro, critica il re di Giuda del suo tempo il quale, anziché interessarsi del popolo e praticare la giustizia sociale, ostentava la sua ricchezza e il potere abbellendo il suo palazzo con il legno dei cedri e creava rapporti di autoreferenzialità e previlegi di casta.

Per approfondire, la Redazione web consiglia:

9788831520607 p

I SALMI
Nuova versione, introduzione, commento

Questo "libro di canti di lode", come lo chiama la tradizione giudaica, contiene una lunga serie di suppliche individuali e collettive, cioè una lunga lode al Signore nel cuore della "notte".

 

acquista

Filippa Castronovo

Figlia di san Paolo, licenziata in teologia biblica presso la Pontificia Università Gregoriana, ha lavorato nel settore catechistico e ha insegnato al Pontificio Istituto Superiore di Scienze Religiose, Regina Mundi (Roma).
Tiene corsi di approfondimento biblico, di spiritualità e incontri sulla Lectio divina, temi sui quali ha scritto libri e articoli per varie riviste.
Collabora con l'Associazione Biblica Italiana.

Newsletter