Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

Lingua inglese: una collana dedicata ai più piccoli

Pubblicato in Laboratori didattici
Scritto da 
04 Set 2017

Prosegue con questo secondo volume la collana Happy English: filastrocche e canzoni, semplici drammatizzazioni e attività coinvolgenti per avvicinare i bambini all'inglese, rafforzandone la dimensione ludica e favorendo il processo di crescita e maturazione.

Alla ricerca della bussola

L'autrice di progetto, Silvia Corradini, scrive nella presentazione: «Il viaggio di Happy English 2 continua all'insegna del learning by doing, vale a dire l'approccio diretto alla lingua che già abbiamo incontrato nel primo volume, attraverso sperimentazioni sul campo e semplici attività. La buona prassi ha inizio evidentemente dall'insegnante, che trascorre con i bambini la maggior parte della giornata ed è la figura di riferimento nel processo di apprendimento scolastico. L'avvicinamento a una nuova lingua significa l'inizio di un viaggio che con numerose tappe accompagnerà i bambini negli anni seguenti, fino al consolidamento delle competenze linguistiche e relazionali in età successiva.
Tuttavia è preferibile vivere quest'esperienza come un percorso composto da piccoli passaggi che permettono al bambino di acquisire maggiore consapevolezza delle proprie capacità e abilità cognitive. Grazie alle attività didattiche e alle proposte operative da condividere e realizzare in classe, i più piccoli saranno motivati a sperimentare con entusiasmo la nuova lingua che, a poco poco, inizierà a far parte del quotidiano. L'insegnante, attraverso la musica e la gestualità sarà il fulcro di ogni attività, diventerà la bussola in grado di guidare i bambini verso la direzione che in quel preciso momento sarà alla loro portata».

Step by step

Così continua: «La bussola è uno strumento che ci aiuta a orientarci nello spazio, indicandoci la direzione in cui ci troviamo e aiutandoci a navigare verso mete future. Metaforicamente, l'insegnante diventa l'ago della bussola, in grado di accompagnare piacevolmente i bambini nel viaggio alla scoperta dell'inglese; ha il compito di capire qual è la naturale inclinazione di ogni bambino, individuando la chiave di lettura dei più piccoli, nel momento in cui si apprestano a conoscere una nuova lingua e nuovi suoni. Alcuni bambini infatti preferiscono attività manuali e creative, mentre altri prediligono giochi di gruppo, a piccole squadre, oppure semplici attività di lettura o ascolto. Siamo diversi per natura e inclinazioni, ma è la diversità stessa che arricchisce i più piccoli e li stimola al confronto e alla condivisione. Happy English 2 utilizza il canale comunicativo della musica come passo di ingresso nella quotidianità dei bambini, che saranno stimolati a giocare con l'inglese con canzoncine e filastrocche facili da memorizzare. Il processo di apprendimento di una nuova lingua infatti deve avvenire secondo modalità naturali, cercando di replicare il più possibile il meccanismo di assimilazione della lingua madre e possibilmente senza eccessive imposizioni e rigidità. Il viaggio va affrontato step by step e passo dopo passo arriveranno da parte dei più piccoli le risposte concrete agli stimoli linguistici che hanno sperimentato. Non preoccupiamoci pertanto se i bambini non replicano correttamente nella pronuncia alcune parole o suoni da subito: la regola principale infatti rimane quella dell'apprendere l'inglese in modo piacevole, entusiasmante e arricchente per la crescita del bambino stesso. Il tempo porterà con sé i risultati».

Caratteristiche del secondo volume

Lo schema di Happy English 2 è lo stesso del primo volume: a ogni canzoncina è abbinato un tema e una serie di giochi e attività. Diversi argomenti sono quelli già introdotti nel volume precedente, ma approfonditi e rielaborati in nuove situazioni:
- favorire l'interazione e la relazione attraverso semplici domande, conoscenza dei pronomi interrogativi più utilizzati (temporali, causali, di luogo).
Conoscere la propria casa, il nome delle stanze che la compongono, il nome di alcuni mobili e delle azioni più comuni che si compiono in casa.
- Incontrare la natura e gli animali.
- Individuare i colori della frutta e della verdura.
- Saper esprimere emozioni e stati d'animo.
- Identificare e nominare i capi di abbigliamento più comuni.
- Identificare e nominare i giorni della settimana.
- Conoscere e individuare i momenti della giornata e le relative attività.
- Crescere insieme a scuola.
- Utilizzare il gioco come momento di aggregazione e consapevolezza di sé.

Accoglienza, autonomia, socializzazione, partecipazione: queste sono le parole chiave nel processo di apprendimento della lingua inglese e gli insegnanti (insieme ai genitori) sono chiamati a partecipare attivamente al percorso dei bambini, attraverso le diverse proposte operative.

 

Paoline Audiovisivi

Redazione Audiovisivi: gruppo di Figlie di San Paolo e collaboratori impegnato nella produzione discografica; da sempre attente alla liturgia, alla catechesi e all'educazione ai valori attraverso le forme del canto, dei laboratori didattici e del teatro musicale.

Newsletter