Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

La misericordia è paziente e per tutti Vangeli della misericordia per una “gmg no limits”

Pubblicato in Paoline e Giovani
Scritto da 
28 Lug 2016

28 luglio: Vangelo di Matteo 13,47-53. Oggi, la Parola ci porta a vedere Dio nella nostra vita, come Colui che non ha fretta di giudicare ma sa attendere il momento opportuno e che la salvezza è per tutti. È bello pensare che finché c'è vita c'è speranza.

28 Luglio

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: «Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche». Terminate queste parabole, Gesù partì di là. (13,47-53)


Commento

Oggi ci lasciamo colpire da una sensazione positiva: tutti (non importa se buoni o cattivi) siamo raccolti da Dio, cioè non dispersi, non lasciati a nuotare invano nel nostro mare.

Sarà il Signore a giudicare. Dio, non noi. E alla fine dei tempi, non oggi.
Dio non ha fretta di giudicare ma sa attendere il momento opportuno.
Qui sta la misericordia: La salvezza è per tutti ed è bello pensare che finché c'è vita c'è speranza.

Proviamo allora a guardare il buono e il cattivo in noi, a lasciar fare a Dio; noi, i discepoli, proviamo semplicemente a gioire di quanto ha compiuto e guardiamo con sorpresa alla persona di Gesù cercando di cogliere come lui faccia nuove tutte le cose.

Veronica Bernasconi

Figlia di San Paolo (paoline), ha studiato presso la Facoltà di Lettere dell'Università Statale di Milano e ha conseguito la laurea specialistica in Cultura e linguaggi della comunicazione.

È impegnata da alcuni anni nelle Librerie Paoline e nella pastorale vocazionale.

Newsletter