Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

Lion - La strada verso casa In evidenza

Pubblicato in Cineforum
Scritto da 
19 Giu 2017

Lion - La strada verso casa è un intenso dramma sull'adozione e sulla ricerca delle proprie origini presentato come una fiaba in cui un bambino indiano si smarrisce e che, una volta adulto, tenta di ritrovare la sua famiglia di origine.

Il Film

Il film racconta la vera storia di Saroo, un bambino indiano di cinque anni, che una sera decide di seguire il fratello maggiore sul treno, per cercare lavoro e aiutare così la famiglia. Durante la notte però non resiste al sonno e viene lasciato a dormire su una panchina della stazione. Al risveglio, solo e spaventato, si mette in cerca del fratello. Sale su un treno fermo che parte prima che lui riesca a scendere. Percorre migliaia di chilometri attraverso l'India fino ad arrivare nella città di Calcutta, lontano da casa e dalla famiglia. Non conoscendo la lingua del posto non riesce a spiegare da dove proviene. Ha soltanto in mente l'immagine della stazione da cui è partito. Dopo tante ricerche senza esito, il bambino viene portato in un orfanotrofio e successivamente dato in adozione ad una famiglia nella città di Hobart, capitale della Tasmania, stato federale dell'Australia. Venticinque anni dopo, sostenuto dal forte desiderio di ritrovare le sue radici, con l'aiuto della tecnologia di Google Earth, visita tutte le stazioni ferroviarie dell'India finché non riesce a trovare quella da cui era partito tanti anni prima. Parte così per l'India e insieme alla sua prima casa ritroverà la famiglia di origine, in un finale intenso e coinvolgente.


Per riflettere dopo aver visto il film

In India ogni anno si smarriscono migliaia di bimbini, un problema che sembra non sfiorare nessuno. Sperduti nella caotica metropoli, vagano per la città senza nessun rifugio; per loro non resta che la strada della violenza o dell'orfanotrofio. La storia particolare di Sunny Pawar, questo è il vero nome del protagonista, nonostante le sue povertà, ha un che di affascinante e coinvolgente. Un grande narrazione gestita dal regista con accuratezza non comune. Lo spettatore è coinvolto dalla forza d'animo del protagonista, dai suoi occhi attenti e profondi, dal suo smarrimento mentre si trova catapultato dal villaggio dove è nato in un mondo sconosciuto e violento. Cerca negli altri bambini una solidarietà che non trova. Il passaggio dall'adozione alla nuova famiglia, la presenza dei genitori adottivi e del fratello un po' strano, narra la seconda parte di questa avventura. Una parte essenziale che ci porta nel cuore del film stesso: un viaggio dove le vite si ritrovano, i sentimenti si riallacciano e l'amore avrà l'ultima parola. Ma il personaggio chiave di tutto il film è senza dubbio Google Earth: dispositivo digitale utile per scrutare il mondo.


Una possibile lettura

Lion - La strada verso casa è un intenso dramma sull'adozione e sulla ricerca delle proprie origini presentato come una fiaba in cui un bambino indiano si smarrisce e che, una volta adulto, tenta di ritrovare la sua famiglia di origine. Basato su una storia realmente accaduta, quella di Saroo ci presenta una vera e propria discesa nel male del mondo, dove il pericolo è sempre in agguato e così la violenza che usa i bambini come merce di scambio. Molte sono le tematiche e gli spunti di riflessioni: vita serena con la mamma e fratelli pur nella povertà, distacco dal proprio mondo, violenza, sconforto, speranza nell'adozione, nuova famiglia e nuovo futuro. Diventato adulto Saroo non riesce a dimenticare le sue origini e la sua famiglia, verso la quale vive sempre un forte senso di colpa. Come dire a ognuno di loro che non li ha mai dimenticati? Come farsi perdonare il suo smarrimento? In questa ricerca ossessiva entrano in crisi i nuovi legami e tutta la sua nuova vita. Chiuso in se stesso taglia i ponti con l'esterno e passa il suo tempo su Google Earth alla ricerca, quasi impossibile, di ritrovare il paese deve è nato e quindi la madre e i fratelli. A prescindere dai risvolti della storia, Lion - La strada verso casa regala spunti di riflessione significativi che aiutano a spalancare lo sguardo su realtà sconosciute e sommerse.

Titolo Originale: Lion
Genere: Drammatico
Regia: Garth Davis
Interpreti: Dev Patel - Saroo Brierley, Nicole Kidman - Sue Brierley, Rooney Mara - Lucy, David Wenham - John Brierley, Sunny Pawar - Saroo Bierley bambino, Abhishek Bharate - Guddu, Priyanka Bose - Kamla, Tannishtha Chatterjee - Noor, Nawazuddin Siddiqui - Rawa, Deepti Naval - Mrs. Sood, Divian Ladwa - Mantosh Brierley, Sachin Joab - Bharat, Pallavi Sharda - Prama, Arka Das - Sami, Emilie Cocquerel - Annika, Eamon Farren - Luke, Menik Gooneratne - Swarmina
Nazionalità: Stati Uniti, Australia, Gran Bretagna
Distribuzione: Eagle Pictures
Anno di uscita: 2016
Soggetto: Saroo Brierley, Larry Buttrose
Sceneggiatura: Luke Davies
Fotografia: Greig Fraser
Musica: Hauschka , Dustin O'Halloran
Montaggio: Alexandre de Franceschi
Scenografia: Chris Kennedy
Durata: 129'
Produzione: Iain Canning, Angie Fielder, Emile Sherman
Note:
- Selezione Ufficiale alla XI Edizione della Festa del Cinema di Roma (2016).
- Candidato ai Golden Globes 2017 per: Miglior Film Drammatico, Attore (Dev Patel) e Attrice (Nicole Kidman) Non Protagonisti e Colonna Sonora.
- Candidato all'oscar 2017 per: Miglior Film, Attore (Dev Patel) e Attrice (Nicole Kidman) Non Protagonisti, Fotografia, Colonna Sonora e Sceneggiatura non Originale.
- Candidato al David Di Donatello 2017 come Miglior Film Straniero.

Video

Teresa Braccio

Suor Teresa Braccio, della Congregazione delle Figlie di San Paolo, è nata a Campochiaro (CB, Italia) il 27/12/1948.
Responsabile del Segretariato Internazionale di Comunicazione del suo Istituto, è esperta di comunicazione e del linguaggio cinematografico. Collabora a convegni e corsi di comunicazione e di cinema, è membro della Commissione Nazionale Valutazione Film della Conferenza Episcopale Italiana. Scrive recensioni di film per conto della rivista Consacrazione e Servizio dell'USMI nazionale e del sito www.paoline.it.

Newsletter