Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

Saggistica

Era il 1998, credo in primavera, quando mi arrivò una telefonata del tutto inaspettata, mi raggiunse una voce gentile, che si presentò come suor Nadia Bonaldo, e mi chiese subito, in modo diretto e allegro, se avessi qualcosa nel cassetto da pubblicare, in quanto lei era una delle responsabili delle Edizioni Paoline...

Si cita spesso il concilio Vaticano II e qualcuno lamenta il fatto che il cambiamento in esso intravisto e invocato di fatto abbia avuto scarsa attuazione. Per non perdere l'eredità del Concilio è necessario tornare agli specifici documenti là redatti e alle tematiche affrontate per vedere non tanto ciò che non è stato fatto, ma piuttosto per individuare percorsi adatti alla società attuale per ricavarne una nuova passione per la Chiesa e per la sua missione.

Fare appello a una «insurrezione» ha senso? È logico? Potrebbe sembrare eccessivo e anacronistico, lontano dal clima postmoderno, dai suoi conforts e dalle sue pigrizie, eppure per ricredersi bastarebbe poco. Sarebbe sufficiente leggere qualche passo dell'ultima Enciclica di Papa Francesco, tanto osannata da tutti i media laici, quanto temo poco letta e pochissimo compresa.

Indagando sulle origini del nostro universo e sul senso della sua evoluzione, Tehilard de Chardin è giunto a una sintesi mirabile di pensiero, che coniuga scienza e fede, cosmologia ed ecclesiologia.

Non c'è essere umano che non si ponga domande sulla morte. Non si tratta soltanto di accettare che essa esiste, ma di cercare una possibile speranza.

È possibile, per noi uomini e le donne di oggi, ripensare la nostra "comune umanità" e i nostri mutati rapporti all'interno della Chiesa, non in funzione dei modi, ma alla luce del Vangelo?

Newsletter