#contepersempre

Musica e fede – Catechisti parrocchiali

Stare con Gesù è decidere di essere profondamente umani. Certo, nel Vangelo qualcuno apostrofa Gesù come «fuori di sé», ma non era pazzo! Di sicuro però, viveva fuori di sé perché proteso verso l'altro, il prossimo, assaporando con gusto la vita. Un percorso in musica, tratto dalla rivista "Catechisti parrocchiali", con la guida di don Matteo Zambuto.

«È fuori di sé!» (Mc 3,21): affermazione eminentemente provocatoria che troviamo nel Vangelo rivolta a Gesù! È vero che perdeva la testa per quelli che incontrava, ma non era pazzo, perché non ha mai smarrito l’uso della ragione, malgrado il suo modo di porsi fosse fuori dagli schemi ordinari. Lo vediamo fare il fratello a tempo pieno, cercare rapporti profondi, di qualità. Lo stare con lui genera una voglia di vivere incontenibile, un modo nuovo di guardare gli altri e il mondo: dopo averlo incontrato, tutto ciò che è normale diventa straordinario! (Lc 19,1-10). Esprime il suo affetto verso ciò che è piccolo e pressoché insignificante agli occhi della gente, perché nasconde e custodisce il vero tesoro (Mt 13,44-52); dichiara il suo amore per i poveri, i bambini, i giovani, gli ammalati, ma anche per gli uccelli del cielo, i gigli e l’erba del campo (Mt 6,25-33).

Gesù è Amore a tutto tondo, perché esce da sé per incontrare, comunicare, assaporare la vita e per insegnare a rendere felice l’altro, mettendolo al centro. Ecco dove Gesù esprime la sua genialità: mentre gli altri dicono «conosci te stesso!», «pensa a te stesso!», lui afferma «dona te stesso!». Questo è il segreto, fondamento della sua risurrezione: «l’amore vince la morte!». Avendo puntato tutto sul dono di sé, Gesù non si lascia ingabbiare dalla formalità né intimidire da coloro che usano la religione per il proprio tornaconto: scopriremo che stare con lui è decidere di essere profondamente umani!
In questa unità ci faremo aiutare da Ama gli altri di Massimo di Cataldo, L’amore è di Syria e Per nome di Paolo Auricchio.

Ama!

Per essere pienamente se stessi bisogna avere un costante riferimento alle proprie radici. Potrebbe essere un buon inizio coinvolgere i ragazzi con queste domande:

  • Che cosa c’è all’inizio della vita?
  • In principio c’è la libertà o c’è l’amore?

A prima vista potrebbe sembrare che la libertà preceda l’amore, perché entrare in un rapporto d’amore dipende da una scelta libera ma, in realtà, si diventa liberi solo in un contesto d’amore: l’amore è il sacramento della libertà!
È di fondamentale importanza che i ragazzi comprendano che l’amore è la verità scritta nella stoffa della vita: non è un’opinione che può mutare a seconda di come tira il vento, ma una certezza, una cosa che vale per sempre!
Il più grave errore è scordarsi di questo, come ricorda la canzone Ama gli altri che trovate su YouTube: «Ama gli altri come te, l’hai scordato ormai». Chiedete ai ragazzi:

  • Quali sono le frasi più significative che vanno in questa direzione?
  • Quanto gli altri (genitori, amici…) si sono presi cura di voi, risultando determinanti nel corso della vita?
  • «Fai cadere il muro tra di noi, se mi vuoi / ora anch’io ti sto cercando lo sai»: l’amore è la radice, ma anche il motore di tutto: chi non ama può dirsi una persona realizzata? L’amore in verità non è un optional. [1]

L’amore è …

Spiegate ai ragazzi che una cosa è vera se corrisponde al loro desiderio profondo, perché la regola massima della vita è l’evidenza, che è la correlazione tra il desiderio e la realtà; quanto si desidera, infatti, esiste realmente, c’è, ed è per sempre! Questa in fondo è la sfida che lancia il cristianesimo targato «amore»! Fatevi aiutare dalla canzone Syria - L’amore è [radio edit] (Official Video), che trovate su YouTube. Se siete in presenza, testo alla mano, chiedete di sottolineare le frasi che esprimono il significato profondo dell’amore e di leggerle ad alta voce, commentandole. Il refrain, «L’amore è la luce che uno ha dentro di sé», evidenzia la bellezza dell’amore come luce:

  • Se l’amore si manifesta con gesti concreti, che cosa significa che l’amore è luce?
  • Perché Gesù ha chiesto ai discepoli di essere la «luce del mondo»?

Amore per sempre!

Abbiamo visto che il senso della vita non può prescindere dall’amore: saremmo opere incompiute, senza spina dorsale.
In questo ultimo passaggio ascoltate Per nome di Paolo Auricchio, che trovate su YouTube e Spotify, con il testo alla mano, se siete in presenza, e aiutate i ragazzi a comprendere che la vita ha dentro di sé il germe dell’eternità:

  • È vero che «non basta accontentarsi di quello che la vita dà» e che «ci dev’essere qualcosa che mi spinga un po’ in là, che mi faccia riscoprire ancora che l’amore c’è»?
  • È vero che nella vita c’è scritto che non è sufficiente viverla bene fino alla morte, ma che siamo chiamati ad andare oltre?
    Essere amore come Gesù è la vocazione, l’unica strada che può realizzare la nostra umanità: mettiamoci in ascolto della vita che ogni giorno grida il suo bisogno di amore e di eternità! [3]

ZOOM…

  1. Commentate queste frasi:

    «Il più felice dei felici è chi fa altri felici»;
    «La gioia è una cosa strana: più ne dai e più ne hai»;
    «Se non sono esteticamente bello, posso sempre essere un ciclone di simpatia»;
    «La depressione e la noia non sono di casa nel Vangelo»;
    «Quando fai bei gesti non scriverlo sui manifesti»;
    «Gesù non ama la muffa sotto i piedi».

  2. Papa Francesco, commentando il brano evangelico dei discepoli di Emmaus, ha scritto:
    «Anche noi, un giorno, abbiamo incontrato il Signore sulla strada della nostra vita. E, come i discepoli di Emmaus, siamo chiamati a portare la luce di Cristo nella notte del mondo. Voi, cari giovani, siete chiamati a essere la luce nella notte di tanti vostri coetanei che ancora non conoscono la gioia della vita nuova in Gesù»:
    - Possiamo dire che abbiamo incontrato il Signore?
    - Chi ci ha parlato di lui, suscitando in noi il desiderio di conoscerlo sempre di più?
    - Cosa significa essere chiamati a portare la luce di Cristo nella notte del mondo?
  3. Leggete e commentate Lc 24,36-53: l’amore non è puro sentimento personale, frutto di intelligenza e volontà, oppure dettato dalle circostanze della vita. Fate capire ai ragazzi che il problema non è il come, ma il fatto; l’amore è un avvenimento: senza amore non c’è vita! Esortateli a non avere paura, a non lasciarsi sopraffare dalle sconfitte, perché Gesù ha vinto la morte e ci ha promesso un’amicizia per sempre!

Catechisti parrocchiali n. 5

Febbraio 2022

Gli itinerari su «mistagogia della vita», a partire dalla domanda dei bambini, orientano ad assumere la malattia in relazione con Gesù, che la condivide con noi, e ci risolleva dal peso e dallo scoraggiamento. Gli altri contributi orientano a vivere l’amore, la fedeltà e la fede in famiglia, in comunità e nell’incontro con gli altri. Dossier è su: #dietrodiTe


Condividi

contepersempre.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA