Il sì alla vita

Celebrazione per ragazzi

Le Beatitudini sono la proposta di Gesù per vivere in comunione con lui, ma anche la modalità per vivere in comunione fra noi. Con questa celebrazione - tratta dal "Dossier" della rivista "Catechisti parrocchiali" - desideriamo aiutare i ragazzi a comprendere che il cristiano è chiamato alla gioia, ma non da solo. Gesù dice: «beati», al plurale. Lo si è insieme.

Si prepara l’angolo della preghiera: Bibbia aperta, icona di Gesù e una lampada accesa. Ci si dispone in cerchio. Al centro un cartellone e dei pennarelli per scrivere le Beatitudini.

CantoBeati voi! (F. Buttazzo, Mi ami tu?, Paoline)



Preghiera
Il mondo ti riconosce misericordioso, Signore,
Dio compassionevole:
tu soffri con chi soffre,
tu taci in chi è oppresso,
tu perdoni ogni nostro peccato,
tu rinnovi ogni cuore pentito.
Il mondo ti riconosce clemente, Signore,
Dio di infinita tenerezza:
tu attendi con chi attende,
tu consoli chi piange amaramente,
tu richiami chi perde la strada,
tu cammini con chi cerca una patria.
Il mondo ti riconosce buono, Signore,
difensore degli umili:
tu soccorri il povero che ti invoca.
Tu sei presente a chi non ti conosce,
tu illumini chi si muove nelle tenebre,
tu ti riveli ai puri di cuore
(C. Ghidelli)

Catechista. Le Beatitudini sono la proposta di Gesù a vivere in comunione con lui, ma anche la modalità per vivere in comunione fra noi. Gesù ci offre la felicità. Otto Beatitudini. Apparentemente otto differenti chiamate ad essere suoi discepoli. In realtà sono tutte sfumature nella nostra vita cristiana.

In ascolto della Parola

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 10,46-52)

Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:

"Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi.

1 Ragazzo. Anche il mondo, Signore, proclama le sue beatitudini, in contrasto con le tue: beati i ricchi, che non badano alla miseria altrui, ma accumulano per se stessi. Anche il mondo, Signore, sbandiera le sue promesse, discordanti con le tue: beati i potenti, che non pensano a chi è bisognoso di aiuto, ma procedono sicuri per la loro strada.
T. Facci comprendere, Signore, qual è la ricchezza vera, che tu doni a chi ti segue. Facci sperimentare, Signore, la tua forza invincibile che offri ai tuoi fedeli.
2 Ragazzo. Anche il mondo, Signore, ostenta la sua giustizia, opposta alla tua: beati i furbi, che non si danno pensiero degli altri, ma li sfruttano per il loro successo. Anche il mondo, Signore, presenta il suo manifesto, contrastante con il tuo: beati i gaudenti, che non si preoccupano del domani, ma cercano di carpire l’attimo fuggente.
T. Facci comprendere, Signore, dove trovare la saggezza che tu assicuri a chi la cerca. Facci gustare, Signore, le vere gioie che tu concedi ai tuoi figli.

Catechista. Gesù non offre un elenco di doveri, ma una serie di «beati»: un progetto di felicità. Il cristiano è chiamato alla gioia, non da solo. Gesù dice: «beati», al plurale. Lo si è insieme. Gesù ci offre la felicità anche oggi. I beati sono coloro che ascoltano e aderiscono alla parola di Gesù; che fanno parte della famiglia di Dio; persone disponibili a realizzare la novità del Regno.

Gesto

Ogni ragazzo scrive sul cartellone una beatitudine del Vangelo o un’altra formulata da loro, che richiama il significato dell’essere beati, impegnandosi a realizzare il regno di Dio.

Preghiera
Con te, Signore,
possiamo riprendere il cammino,
possiamo tornare a sperare,
possiamo arrivare alla patria.
Con te, Signore, possiamo ritrovare la via,
possiamo ricomprendere la verità,
possiamo rinascere alla vita.
(C. Ghidelli)

Canto: Testimoni saremo (P. Bordini, in Mi ami tu?)

Catechisti parrocchiali

Aprile, n.7 - 2022

Gli itinerari su «mistagogia della vita», a partire dalla domanda dei bambini, orientano a camminare con Gesù risorto, nel segno della sinodalità, accogliendo i suoi doni, per comunicare luce, fede e amore a tutti. Gli altri contributi proiettano oltre il visibile, così da essere profetici e creativi in famiglia e in comunità. Il Dossier è su: #energiadeisì


Condividi

il-si-alla-vita.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA