Ma il male vincerà?

7. Musica e fede

Siamo all'ottava e ultima tappa  del nostro  cammino di riflessione sul Padre nostro che si conclude con l'implorazione "Liberaci, difendici dal male". Ci riuscirà Dio? Il percorso ha l'obiettivo di aiutare i ragazzi a prendere consapevolezza che la mano di Dio fa esplodere la vita... Proprio come è successo a Gerusalemme dopo la morte di Gesù...

L'ultimo versetto del Padre nostro apre a uno dei temi più spinosi: la lotta tra il bene e il male. La preghiera implora: «Liberaci, difendici dal male». Tuttavia la domanda che spesso frulla nella testa di tutti, e soprattutto dei ragazzi, è: «Ma ci riuscirà?». Dio riuscirà veramente a liberarci dal male? Ovunque dilaga morte, distruzione, malattia, violenza, ingiustizia... Veramente Dio è più forte? E quando vincerà? Quando ci libererà
davvero e definitivamente? Sono domande presenti in noi, e nel cuore e nella testa dei nostri ragazzi, più di quanto immaginiamo. Domande che occorre ascoltare e fare emergere. Per questo sarà importante iniziare l'incontro conclusivo del cammino sul Padre nostro, partendo proprio da qui: dalle loro domande.

Vi propongo di scrivere su un poster, o di proiettare sul muro questo interrogativo: «Padre, liberaci dal male!», scritto in grande e, subito sotto, magari con un colore contrastante, come se fosse una domanda posta da qualcuno: «Ma come ci salverà? Come ha già iniziato a salvarci?».
Iniziate l'incontro, chiedendo ai ragazzi di provare a rispondere. Potrebbero scrivere le risposte su post-it da attaccare vicino al cartellone o crearne uno apposito, o semplicemente ascoltarli. In tal caso è bene che il catechista prenda qualche appunto. Ascoltate i loro dubbi e perplessità, ma non intervenite correggendo o rispondendo al posto loro. Se durante il confronto non emergesse «l'esperienza del dono della vita di Gesù», chiedete loro: «In che modo Dio ha già iniziato a salvarci, a liberarci, a difenderci dal male?».


Liberati dall'amore

L'obiettivo da prefiggersi in questa tappa è quello di rendere consapevoli i ragazzi che in Gesù, nel dono della sua vita, nella sua morte e risurrezione, Dio ha manifestato pienamente il suo amore, il suo stile di salvezza, il suo modo di intervenire nella storia dell'umanità: mai con effetti straordinari e da supereroe; mai dall'alto, ma dal basso, facendo germogliare la vita proprio lì dove sembra che non ci sia più niente da fare, dove la morte sembra avere definitivamente vinto.
E, invece, la mano di Dio fa esplodere la vita... Proprio come è successo a Gerusalemme dopo la morte di Gesù.
È questo il cuore e la meta del percorso. Per accompagnare i ragazzi verso tale consapevolezza, prendiamoli per mano e aiutiamoli a entrare nell'esperienza della Passione di Gesù..., ovviamente tramite le canzoni.

Proponiamo ai ragazzi, dall'album, Il Messia, di ascoltare i brani Tenebrae e Resurrectio. Se i ragazzi fossero particolarmente capaci di ascolto, sarebbe ottimo inserire prima di Resurrectio anche il brano Passio, brano strumentale durante il quale il catechista potrebbe proclamare versetti tratti dai Vangeli della Passione. È un brano che musicalmente porta con sé la drammaticità di quegli eventi. Se riteneste opportuno proporre l'ascolto solo di Tenebrae e Resurrectio, preparate bene il passaggio da un brano all'altro, in modo da non creare distrazioni.

Prima dell'ascolto di Tenebrae introducete i ragazzi agli eventi: siamo nel Getsemani, luogo di grande sofferenza. Gesù prega il Padre, mentre tutto sta per precipitare. Il Messia, l'Atteso, il Maestro, capace di fare miracoli, sta per essere condannato a morte. Cosa succede? Chi parla con Gesù? Cosa gli dice? Qual è il destino del Messia? Ricordate loro che Satana, dopo le tentazioni nel deserto, aveva promesso che un giorno sarebbe ritornato.
Ora i ragazzi sono pronti per l'ascolto. Nel primo ascolto non date il testo con le parole: solo ascolto musicale. Abbassate le luci e suggerite loro di immaginarsi nell'Orto degli Ulivi con Gesù. Successivamente fornite ai ragazzi i testi dei brani ascoltati e, prima di procedere con il secondo ascolto, rivolgete loro le seguenti domande:

• nel brano Tenebrae chi parla? Cosa dice? Quale sembra essere il destino del Messia?
• Chi pare che vinca?
• Sulla croce Dio riesce a difendere Gesù dal male?
• Cosa succede nel brano Resurrectio?
• C'è un urlo iniziale, un «No!», detto da una voce in lontananza: di chi è?
• Cosa succede al Messia?
• Dio Padre ha veramente fallito nella sua impresa?

Fondamentale, a questo punto, è far prendere coscienza ai ragazzi che non sempre quello che sembra è. La risurrezione di Gesù era imprevedibile, nessuno avrebbe potuto immaginarla, guardando il Crocifisso morto. Tutti, vedendo morire Gesù, erano autorizzati a pensare che Dio, alla fine, si dovesse arrendere alle ingiustizie... Sì, anche lui. E, invece, qualcosa di incredibile accade. Ecco Dio agisce così, e non sempre la sua difesa segue le nostre vie; non sempre lui ci difende nel modo in cui noi immagineremmo.
La certezza deve essere una: Dio non ci abbandona. Quello che è successo a Gesù succede anche a noi: Dio ci difende e libera dal male, facendoci risorgere, sempre!


Amati amiamoLiberaci e riconsegnaci alla vita

La preghiera proposta si può consegnare ai ragazzi alla fine della tappa, quasi come risposta a ciò che avevano condiviso dopo la prima domanda, quella da cui la tappa ha avuto inizio. Potrebbe essere una risposta alle tante attese deluse, forse vissute nei confronti di Dio, che fanno vacillare la loro fede.
Consigliate ai ragazzi di pregarla spesso, senza sosta..., anche scegliendo solo un versetto. Di pregarla proprio quando tutto sembra perduto... e Dio appare più lontano!


Preghiera

Liberaci dal male
Tu sei con noi, Padre buono,
anche quando tutto sembra dire il contrario.
Tu sei con noi, Dio dell'amore,
anche e soprattutto quando il male ci soffoca
e il dolore ci toglie le forze.
Tu sei con noi, Salvatore della storia,
anche quando la morte
sembra dire l'ultima parola.
Tu sei con noi e il seme della tua vita,
della tua gioia, della tua pace germoglia,
la terra risplende di nuova luce,
i confini si popolano di nuova umanità.
Resta con noi, Padre buono, risollevaci,
difendici, liberaci, aprici al bene.
Amen.


L'articolo è tratto dal Dossier "Ragazzi & dintorni" inserto di:

Catechisti parrocchiali 8, maggio 2018 - paoline

Catechisti parrocchiali n. 8
maggio 2018

In questo ultimo numero dell'annata, il tema portante è la "Comunità cristiana testimone". L'invio di Gesù agli Undici raggiunge anche noi, oggi, come parte di una comunità che genera alla fede. Tra le rubriche segnaliamo la traccia di Ritiro per la Prima comunione "Gesù si fa pane e vino.. per noi".
Il Dossier è sul tema: «Difendimi!».

  acquista

I canti sono tratti dall'opera rock:

8019118024015pIl Messia
opera rock

L'autore Daniele Ricci torna a proporre una nuova opera rock, che chiude la trilogia su Gesù di Nazareth. Il Messia percorre le tappe principali della vita pubblica di Gesù, dal battesimo al fiume Giordano all'ultima cena con gli apostoli. Direzione artistica e realizzazione musicale sono state affidate a Greg Puccio.

  acquista


Condividi

ma-il-male-vincera.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA