Con il cuore aperto e lo zaino in spalla...

Sui passi di Paolo 2018

Se vuoi andare lontano - dice un proverbio africano - cammina con qualcuno. Questa convinzione ha ritmato il pellegrinaggio dei giovani in cammino "Sui passi di Paolo", da Pozzuoli (NA) fino a Roma, dal 5 al 12 agosto 2018.

Circa 70 giovani dai 16 ai 30 anni, provenienti da diverse regioni italiane - nonché dalla Spagna e dalla Cina - hanno aderito, nella sua seconda edizione, alla marcia paolina "Sui passi di Paolo", una proposta estiva della Famiglia Paolina rappresentata al completo, nei suoi 10 Istituti, dagli organizzatori e dagli animatori dell'evento.

Il 5 agosto i giovani sono partiti da Pozzuoli, dove, circa 2000 anni fa San Paolo, sotto custodia militare, è sbarcato per raggiungere via terra la città di Roma, secondo il racconto degli Atti degli Apostoli:

«Il giorno seguente si levò lo scirocco e così l'indomani arrivammo a Pozzuoli. Qui trovammo alcuni fratelli, i quali ci invitarono a restare con loro una settimana. Quindi arrivammo a Roma. I fratelli di là, avendo avuto notizie di noi, ci vennero incontro fino al Foro di Appio e alle Tre Taverne. Paolo, al vederli, rese grazie a Dio e prese coraggio. Arrivati a Roma, fu concesso a Paolo di abitare per conto suo con un soldato di guardia» (28,13-16).

Sulle orme dell'instancabile Apostolo delle Genti, i giovani hanno percorso circa 210 Km, di cui una parte attraverso trasferimenti in pullman e una parte a piedi. Nonostante il caldo torrido, le alzatacce e lo zaino pesante, i "marcianti" non hanno sentito spegnersi il desiderio di andare avanti, ma hanno fatto esperienza di condivisione, di riflessione, di preghiera, di essenzialità, di amicizia e di festa tra loro e con quanti hanno incontrato lungo il cammino.

L'edizione della Marcia Paolina di quest'anno è stata caratterizzata dal fatto di essersi inserita nel contesto delle iniziative promosse dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI) in preparazione al Sinodo dei giovani che si terrà dal 3 al 28 ottobre 2018, a Roma; il culmine della Marcia Paolina, infatti, è coinciso con la partecipazione all'evento Siamo Qui! (11-12 agosto), durante il quale papa Francesco, al Circo Massimo, ha incontrato circa 70.000 giovani, provenienti da 200 diocesi italiane, insieme a 120 Vescovi. Al termine dell'incontro del 12 agosto, il Papa ha rivolto ai giovani il suo ultimo invito: «Voi giovani, per natura siete dinamici, appassionati e coraggiosi... ma ricordate», ha scandito, «è buono non fare il male ma è male non fare il bene!».

Come hanno vissuto questo cammino i partecipanti all'iniziativa della Famiglia Paolina?

Elisa, 19 anni, Pavona (RM): «Pur con le difficoltà e le persecuzioni, San Paolo è determinato e sicuro e non perde nessuna occasione. Questa è la grinta che vorrei vedere nella Chiesa e in noi: saper portare Gesù ai nostri coetanei, senza la paura di essere giudicati come diversi. Essere cristiani non significa vivere senza sbagliare o soffrire, ma vuol dire avere la certezza di una forza interiore per affrontare ogni evento. È questa la testimonianza che possiamo dare in famiglia e tra gli amici. E i frutti, nel tempo, si vedono...».

Luca, 28 anni, Roma: «Sui Passi di Paolo o, come tra gli animatori amiamo anche chiamarla, ''marcia paolina'', è una vecchia amica, capace di trasformare in meglio il cammino della mia vita cristiana. Poco prima di partire sentivo che quest'anno (è la mia seconda marcia) sarebbe stata più faticosa, ma mi sbagliavo! Nella mente ho vividi i momenti per me più belli e tutto, al ritorno dall'esperienza, ha preso un gusto nuovo... Ad esempio, ho compreso sempre più il valore della condivisione e della preghiera meditativa e riconoscente verso il Signore. Tutto questo non è per nulla scontato! È un'esperienza da vivere!».

 Buon cammino anche nella vita di tutti i giorni ragazzi!


Condividi

con-il-cuore-aperto-e-lo-zaino-in-spalla.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA