Inside out

Un simpatico racconto di animazione ci fa entrare nell'intreccio di emozioni e sentimenti che popolano la vita di un'adolescente, nell'impresa di affrontare i tanti cambiamenti in atto nella sua vita, con l'invito a riscoprire le voci interiori di ciascuno di noi.

Il Film

Protagonista di Inside Out è Riley, una ragazza di 11 anni costretta a trasferirsi con i genitori dal Minnesota a San Francisco. Un cambiamento radicale che sconvolge la sua vita. Riley si trova a dover fare i conti con le emozioni che abitano dentro di lei e guidano la sua esistenza: Gioia, Paura, Collera, Disgusto e Tristezza. Cinque sentimenti che avranno un compito essenziale nel difficile cambiamento imposto dalla metropoli californiana. Dalla loro postazione di comando situata nella mente della bambina, la governano sforzandosi di adattarsi e affrontare le nuove situazioni.

Gioia, che è il traino di tutti gli altri, cercando il lato positivo delle cose li esorta costantemente a rimanere attivi e gioiosi. Paura, una specie di burocrate sempre spossato, vive con il terrore di restare privo del suo lavoro. Una paura inutile poiché lui è il suo lavoro. Rabbia, vive eternamente arrabbiato, nessuno meglio di lui sa come vanno le cose anche se nessuno lo ascolta. Quando è molto adirato la sua testa prende fuoco. Disgusto, super protettiva verso Riley, ha grandi attese nei confronti degli altri ma è anche poco tollerante. Tristezza, nel suo essere infelice è una compagnia piacevole, brillante e sempre attenta, ma per Gioia e Riley costituisce una grande minaccia.

Per riflettere dopo aver visto il film

Inside Out è un viaggio dentro e fuori la mente umana e rivolge i suoi messaggi più profondi a chi ha perso la spensieratezza dell'infanzia. Un cammino fatto di difficoltà e di cambiamenti che si snoda attraverso percorsi inesplorati, dove sogno e realtà convivono in un simbolico universo. I due registi descrivono le emozioni che amministrano la nostra esistenza privilegiando con la narrazione anziani e bambini, i soli capaci di trovare una via di fuga dalla realtà verso la fantasia. Nel film i ricordi vivono immagazzinati in una grande biblioteca che raccoglie e cataloga tutte le reazioni emotive e gli avvenimenti della vita. Attraverso la complessità e la ricchezza dell'animazione la sceneggiatura ricrea gli aspetti immateriali dell'evoluzione conoscitiva. Non sempre è facile crescere, a volte può risultare faticoso come succede a Riley, strappata dal suo mondo a causa del trasferimento del padre, che cerca insieme alle sue emozioni di adattarsi alla nuova città, alla nuova casa e alla nuova scuola. I personaggi, e quindi i sentimenti, descritti con lineamenti essenziali aiutano lo spettatore a cogliere la loro vera natura rendendo visibile ciò che normalmente è a noi nascosto.

Una possibile lettura

Inside Out è la storia del bambino che è dentro di noi e delle sue voci intime e nascoste. Una grande raffigurazione metaforica della mente umana che ci porta a esplorare le connessioni tra la realtà che conosciamo e la sua percezione simbolica. L'intelligenza non basta ad affrontare l'incognita del futuro. Sono i sentimenti che ci aiutano a capire il mondo, a fare nuove esperienze rivivendo vecchi ricordi. Nella mente di Riley vivono tante emozioni, nascono idee e progetti che a volte contrastano con i condizionamenti causati dalla crescita e dallo scorrere del tempo. Nel suo mondo fantastico assistiamo all'evolversi delle situazioni, al passaggio tra spensieratezza e preoccupazione, tra gioia e dolore. Riley siamo ognuno noi. Quella parte che non si arrende mai. Se vogliamo diventare adulti dobbiamo imparare ad affrontare i cambiamenti che la vita ci presenta. Il film ci insegna che le emozioni ci governano e manovrano i nostri turbamenti: una "fabbrica dei sentimenti" dove possiamo però amministrarli come da una sala di controllo: La Felicità va custodita e difesa. La Gioia deve avere spazio in ogni situazione. La Paura che ci invade e ci tenta non deve sopraffarci. La Tristezza, se non la sperimentiamo non possiamo capire fino in fondo cosa significa la felicità. In altre parole la vita è un puzzle che andiamo costruendo ogni giorno e che si chiama crescere.

Titolo Originale: Inside Out
Genere: Film d'animazione
Regia: Pete Docter, Ronnie Del Carmen
Interpreti: Riley, Gioia, Paura, Collera, Disgusto, Tristezza e gli altri protagonisti della storia d'animazione.
Nazionalità: Stati Uniti
Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
Anno di uscita: 2015
Origine: Stati Uniti (2015)
Soggetto: Pete Docter, Ronnie Del Carmen
Sceneggiatura: Pete Docter, Meg LeFauve, Josh Cooley
Fotografia: Panoramica/a colori
Musica: Michael Giacchino
Scenografia: Ralph Eggleston
Effetti: Gary Bruins
Durata: 94'
Produzione: Pixar Animation Studios
Valutazione del Centro Nazionale Valutazione film della Conferenza Episcopale Italiana: Consigliabile/poetico * *
Tematiche: Avventura; Famiglia - genitori figli; Film per ragazzi; Metafore del nostro tempo
Note:
- Fuori Concorso al 68° Festival di Cannes 2015.
- Voci della versione originale: Amy Poehler (Gioia), Mindy Kaling (Disgusto), Bill Hader (Paura), Lewis Black (Rabbia), Phyllis Smith (Tristezza), Diane Lane (Mamma), Kyle Maclachlan (Papà), Kaitlyn Dias (Riley), Frank Oz (Guardia Del Subconscio Dave), Richard Kind (Bing Bong).


Condividi

inside-out-cineforum.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA