Settimana della comunicazione: le tappe

Ripercorrere il lungo e ricco cammino della Settimana della Comunicazione significa ritornare con la memoria a 10 anni fa, quando la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali compiva sommessamente i suoi primi 40 anni di vita, ricordati e celebrati solo da pochi addetti ai lavori, ma pressoché sconosciuti presso il grande pubblico.

La sfida era quella di riportare questo importante appuntamento alla ribalta dell'attenzione, sia ecclesiale che culturale, promuovendo i valori che ogni anno il Papa propone per la celebrazione di questa Giornata e oggi possiamo dire che tale sfida è stata vinta.

Nel 2006, anno dell'avvio, il tema del Messaggio era "I media: rete di comunicazione e cooperazione", e attorno a questa "rete" i Paolini e le Paoline hanno "tessuto" una serie di rapporti con organismi culturali, ecclesiali, scolastici e con movimenti e associazioni operanti sul territorio, allo scopo di realizzare tavole rotonde, convegni, incontri con l'autore, cineforum, spettacoli e tante altre iniziative volte ad approfondire queste dimensioni, tra le quali spiccava il primo Festival della comunicazione, realizzato a Salerno.

Nel 2007, grazie al tema "I bambini e i mezzi di comunicazione una sfida per l'educazione", è nata un'iniziativa destinata a caratterizzare anche nelle edizioni successive la proposta della SdC verso i ragazzi e gli alunni: gli Happy book, merenda in libreria, ovvero visite guidate e laboratori sui vari linguaggi della comunicazione all'interno delle reti di Librerie Paoline e San Paolo, che hanno riscosso un forte gradimento. Il Festival itinerante si è spostato a Bari, raccogliendo nella cerimonia di apertura moltissimi bambini e ragazzi dell'Azione cattolica, provenienti da tutta la Puglia.

Nel 2008, quando il tema era "I mezzi di comunicazione sociale al bivio fra protagonismo e servizio. Cercare la Verità per condividerla", il numero delle iniziative ha toccato i 150 eventi in circa 40 città italiane, coinvolgendo anche molti giornalisti sul tema dell'etica dell'informazione. Il Premio don Alberione, il concorso per le scuole sul tema dell'educazione ai media che viene indetto per la Settimana della comunicazione, ha assunto una dimensione nazionale e ha ricevuto il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, e il Festival è stato realizzato a Brescia.

Nel 2009 il messaggio del Papa: "Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura del rispetto, del dialogo, dell'amicizia", ha stimolato la creatività e la proposta di iniziative mirate all'approfondimento del rapporto tra new media e dimensione relazionale, soprattutto per quanto riguarda gli adolescenti. La concomitanza con l'Anno paolino, inoltre, ha arricchito la SdC di numerosi eventi su Paolo evangelizzatore e comunicatore e ha portato il Festival ad Alba (CN), culla della Famiglia Paolina.

Il 2010, anno sacerdotale, ha focalizzato l'attenzione su "Il sacerdote e la pastorale nel mondo digitale: i nuovi media a servizio della Parola", promuovendo numerose iniziative sul tema. Le proposte per il target bambini sono cresciute, grazie a simpatiche "caccia al tesoro", sfide tra classi a suon di libri, feste attorno ai mestieri del libro e numerosi quiz. Come sempre, l'evento trainante della Settimana, costituito dal Festival della Comunicazione, tenutosi a Caserta, ha coinvolto un intero anno di preparazione i vari gruppi e organismi della Diocesi e si è esteso ad altri centri della Campania.

Nel 2011 il Papa ha invitato a riflettere su "Verità, annuncio e autenticità di vita nell'era digitale" e Paolini e Paoline hanno corrisposto all'invito realizzando numerosi eventi culturali e occasioni di approfondimento in tutte le città in cui sono presenti, in particolare durante il Festival di Padova, che ha offerto proposte di tavole rotonde, convegni e dibattiti di alta qualità e di profondo interesse per il pubblico.

Nell'anno 2012 il tema:"Silenzio e Parola cammino per l'evangelizzazione" era carico di suggestioni per riscoprirla dimensione dell'interiorità; il Festival di Caltanissetta, coniugando dimensione biblica e riflessione sulla comunicazione ha realizzato una quantità di iniziative superiori a quelle delle precedenti edizioni.

Il 2013 è stato l'anno del tema: "Reti Sociali: porte di verità e di fede; nuovi spazi di evangelizzazione" ; il Festival si è tenuto ad Avezzano, nella Marsica, nella forma di una vera e propria "festa della comunicazione", con proposte che spaziavano dal teatro alla danza e alla musica, dall'animazione per i ragazzi e le scuole agli incontri con gli operatori della comunicazione e i docenti, dai momenti celebrativi ai convegni.

Nel 2014, Papa Francesco ha proposto all'attenzione ecclesiale il tema:"Comunicazione al servizio di un'autentica cultura dell'incontro". Gli organizzatori della Settimana erano pronti ad accogliere la sfida, perché favorire l'incontro tra diverse realtà è sempre stata la caratteristica delle proposte di animazione di questa manifestazione. Convegni, spettacoli, tavole rotonde, laboratori per le scuole, manifestazioni nelle Librerie e nei centri culturali del mondo paolino hanno creato tante occasioni di aggregazione sul territorio, in modo particolare nella realizzazione del Festival realizzato a Lodi.

Nel 2015, il Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali sollecita l'opinione pubblica a riflettere su:"Comunicare la famiglia: ambiente privilegiato dell'incontro nella gratuità dell'amore". Anche quest'anno, nella Paolini e Paoline hanno attivato le loro Librerie, sparse su tutto il territorio nazionale, gli editoriali, i centri culturali, per offrire una vasta gamma di eventi, iniziative, sussidi finalizzati ad approfondire tutte le istanze e i valori proposti per questo appuntamento. La Settimana, giunta alla sua decima edizione, si svolge dal 10 al 17 maggio 2015 e il Festival approda a Cosenza.


Condividi

settimana-della-comunicazione-le-tappe.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA