Il coraggio del bene

XII Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 2020

Contro il male non bastano i flash mob.

La parola di Dio ci invita a una vita coraggiosa che non si lascia condizionare, né tanto meno vincere dalla paura del male, comunque esso si presenti. Magari anche come Corona virus. Ce lo dice Geremia con la sua situazione personale: il profeta si trova tra gente che gli sta creando "terrore all'intorno" per prevalere su di lui. Perfino i suoi amici aspettano un suo passo falso per vederlo soccombere. Ce lo dice Gesù che invita ad annunciare con coraggio il suo vangelo senza temere le possibili reazioni negative: «Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio voi annunciatelo dalle terrazze».

Ascoltare questo invito della Parola a non avere paura del male, sempre e dovunque, è fondamentale perché la vita è una battaglia contro il male. Non in qualche occasione sporadica, ma sempre e dovunque. Anche senza cercarla, anche senza volerla. Geremia non la cercava e non l'aveva provocata, compiendo azioni malvage. Tutt'altro! Le combatteva, indicando al re le alleanze giuste per il popolo, che però si scontravano con gli interessi di alcuni. Gesù, mentre mette in guardia i suoi discepoli, preannunciando a cosa sarebbero andati incontro, predicando e testimoniando il suo vangelo, stava sperimentando il "terrore all'intorno" che gli facevano scribi, farisei e capi del popolo, peggio che a Geremia.

Ma perché questo male? Perché questa battaglia da combattere? Da dove nasce e come si alimenta il male? La Bibbia ci dice che il male scaturisce dal peccato "dell'origine": «Fratelli, come a causa di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e, con il peccato, la morte, così in tutti gli uomini si è propagata la morte, poiché tutti hanno peccato». La spiegazione non placa i nostri interrogativi, che rimangono insoddisfatti. Ma la realtà invece non lascia dubbi: il male c'è, ci provoca e ci sfida. O cediamo, o lo combattiamo.

Combattiamolo! Ma come? L'illusione di potersene liberare con mezzi facili, c'è stata sempre. Oggi è più forte che mai, perché internet permette in pochissimo tempo di organizzare proteste grandiose e clamorose: flash mob anche in contemporanea in tutto il mondo. Incontri bellissimi, variopinti, emotivamente convincenti: palloncini che riempiono il cielo, tutti inginocchiati come per la crudele fine di George Floyd, tutti giù per terra in mezzo a finto sangue, lenzuola sui balconi, oggetti simbolo stesi per strada, lumini alle finestre, concerti di pentole.... contro la violenza, contro il razzismo, contro la povertà, contro l'inquinamento... Veri e propri lampi quasi accecanti. Che però rischiano di durare il tempo di un flash. Poi tranquilli fino al prossimo.

Il male non si vince gridandogli contro, ma facendo il suo contrario: pace vince guerra, perdono vince odio, giustizia vince ingiustizia, carità vince egoismo... È per una battaglia così che Gesù chiede il coraggio delle proprie scelte, senza avere paura di affrontare i rischi che esso comporta: «E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima».

"Ma quale male?". Non pensiamo soltanto ai grandi mali del mondo, di fronte ai quali finiremmo per arrenderci alla convinzione di poter fare poco, perché il potere è in altre mani, ma anche a quelli del "nostro piccolo mondo" nel quale possiamo fare tutto, perché tutto dipende da noi.

Con quali risorse? Come sempre la parola di Dio oltre all'impegno ci indica anche dove trovare le risorse e gli appoggi per la battaglia. La condizione è che al nostro fianco ci sia, come dice Geremia, «il Signore come un prode valoroso», per il quale, se sono importanti due passeri che valgono un soldo, figuriamoci se non lo siamo molto più noi che egli conosce a tal punto da contare perfino i capelli del nostro capo.

Letture del giorno

Ger 20,10-13; Sal 68 (69); Rm 5,12-15; Mt 10,26-33

Condividi

il-coraggio-del-bene.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA