Non scoraggiarti, la stella è la e brilla

S. Natale 2018

Come redazione del sito Paoline.it, quest'anno i nostri auguri desideriamo vi giungano attraverso le parole del monaco benedettino Zacharias Heyes, nostro autore. La luce della stella di Betlemme, la speranza che essa indica, è con noi tutti i giorni, ben oltre il periodo delle feste di Natale.

Una vecchia leggenda racconta: «Quando i Magi giunti dall'Oriente lasciarono di nuovo Betlemme, diedero un ultimo sguardo alla città da una collina. Lo spettacolo era meraviglioso: la stella che li aveva guidati fino alla grotta era esplosa in migliaia e migliaia di piccole stelle che si distribuivano per tutta la terra. I Magi non capivano che cosa significasse quella meraviglia. Poi, arrivati a un incrocio di strade, chiesero a un passante quale fosse la via giusta da prendere. L'uomo diede loro volentieri un'indicazione utile. A quel punto, i tre re videro brillare sopra le loro teste una piccola stella. La sera, alla locanda, mentre erano serviti a dovere, videro sopra di loro un'altra piccola stella. Compresero allora il senso dello spettacolo che avevano ammirato dalle colline sopra Betlemme: ovunque si dica una parola d'amore o si compia un'opera d'amore, lì splende la stella di Betlemme, una piccola stella d'amore» (Autore ignoto).

Molte volte «i deserti e le valli oscure» che dobbiamo attraversare ci sembrano meno ostili, sempre più spesso li consideriamo fasi illuminanti della nostra vita. Questo è comprensibile: si tratta di momenti che, seppur difficili, sviluppano la nostra creatività, facendoci capire che la nostra vita può cambiare dall'oggi al domani.

In tutti i problemi del mondo, anche in quelli che ci riguardano personalmente, non è sempre facile scorgere la stella splendente: sembra che sia caduta, che si sia trasferita altrove, che si sia spenta o forse che rimanga visibile soltanto ad altri che hanno più fortuna di noi.

La leggenda racconta una cosa diversa: i mille e mille «frammenti» in cui è esplosa la stella di Betlemme sono caduti in mezzo agli uomini per illuminare e indicare a tutti, nel mondo, dove oggi è Natale, dove nasce Dio, dove splende la stella del Natale. Dio si fa continuamente uomo ovunque si riceva e si doni amore. Proprio lì brilla, ancor oggi, la stella di Betlemme. Proprio lì si rende visibile agli uomini che hanno occhi per vederla.

Molte volte, quando ci sembra che la stella sia scomparsa o che si sia nascosta, significa che è arrivato il momento di aprire gli occhi, le orecchie e tutti gli altri organi sensoriali per poterne individuare i piccoli «frammenti» nella vita di tutti i giorni. Scopriremo allora che essa, da molto tempo, brilla ben oltre il periodo di Natale. 

Buon Natale e buone feste da tutte noi!

Il testo è tratto da: Zacharias Heyes, Seguendo la stella. Riflessioni per il tempo di Avvento e Natale, Paoline 2018, pp. 125-127.

paoline seguendo la stella

Seguendo la stella
Riflessioni per il tempo di Avvento e Natale

Un percorso di preparazione al tempo di Natale, dal 1° dicembre all'Epifania; una meditazione e alcuni suggerimenti per la riflessione, per avvicinarci passo dopo passo al mistero di luce e di pace che rappresenta la grotta di Betlemme, per prepararci ad accogliere la grazia di Dio.

  acquista


Condividi

non-scoraggiarti-la-stella-e-la-e-brilla.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA