Gesù e Lazzaro: dalla morte alla vita

Preghiera contemplativa

La preghiera offre tre momenti contemplativi sul brano evangelico di Giovanni 11,1-45. I pratagonisti del brano: Gesù, Lazzaro e le sorelle, i Giudei e la gente, ci mettono in contatto con temi forti che toccano la nostra vita quotidiana: amicizia, condivisione, malattia, solidarietà, vita, morte, risurrezione.

Introduzione

Canto: Gloria a te, Parola vivente

Momento di silenzio e Adorazione

Preghiera insieme
Credo, mio Dio,
di essere dinanzi a te
che mi guardi ed ascolti
le mie preghiere.
Tu sei tanto grande e tanto santo:
io ti adoro.
Tu mi hai dato tutto:
io ti ringrazio.
Tu sei stato tanto offeso da me:
io ti chiedo perdono con tutto il cuore.
Tu sei tanto misericordioso:
io ti domando tutte le grazie
che vedi utili per me.

Invocazione allo Spirito
Ad ogni invocazione rispondiamo in canto con il ritornello Spirito Santo vieni, da ripetere ogni strofa pregata dalla solista

1L. Spirito santo
che procedi dal Padre e dal Figlio,
tu sei in noi, parli in noi,
preghi in noi, operi in noi.
Ti preghiamo di fare spazio alle tue parole,
alla tua preghiera,
alla tua intelligenza in noi
perché possiamo conoscere
il mistero della volontà di Dio nella storia. (rit)

1L. Non ti chiediamo di avere accesso a questo mistero
quasi per poterci vantare di una nostra scienza
e intelligenza dei tempi,
ma unicamente per operare
in maniera degna del Signore,
per poterci dedicare più totalmente
al servizio del nome e della gloria
del nostro Signore Gesù Cristo. (rit)
                                     Preghiera di Carlo Maria Martini

1. "Colui che tu ami è malato"

Ciascuno di noi è colui che Gesù ama e ciascuno di noi è malato, ferito. In Lazzaro e nel cuore di Gesù c'è ognuna di noi, ogni uomo e donna del nostro tempo.

G. In questo prima parte della preghiera, contempliamo l'amore di Gesù per l'amico Lazzaro, e in lui, l'amore per ognuno di noi. Un amore tale da mettere in gioco la propria vita" fino alla fine".

paoline gesu lazzaro morte risurrezione 1Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 11, 1-16)
2L. In quel tempo, un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella, era malato. Maria era quella che cosparse di profumo il Signore e gli asciugò i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato. Le sorelle mandarono dunque a dire a Gesù: «Signore, ecco, colui che tu ami è malato».
All'udire questo, Gesù disse: «Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio, affinché per mezzo di essa il Figlio di Dio venga glorificato».
Gesù amava Marta e sua sorella e Lazzaro. Quando sentì che era malato, rimase per due giorni nel luogo dove si trovava. Poi disse ai discepoli: «Andiamo di nuovo in Giudea!».
I discepoli gli dissero: «Rabbì, poco fa i Giudei cercavano di lapidarti e tu ci vai di nuovo?»... (continua)

Tempo di silenzio e di incontro con la Parola

Preghiera
C. Dio Padre,
tu che hai manifestato la tua compassione
nel pianto di Gesù per l'amico Lazzaro,
guarda oggi ognuna di noi, penetra nel nostro profondo.
Donaci di riconoscere le nostre malattie interiori,
di saperli chiamare per nome.
Svegliaci dalle nostre sensazioni di morte,
dai nostri "dormiveglia spirituali".
Tu che sei il Dio della vita
rendici creature nuove in Te.

Breve spazio di silenzio

2. "Se tu fossi stato qui..."

I nostri se, i nostri ma... la nostra fiducia vacillante in Cristo. Una fede sempre messa alla prova e un Dio che ogni giorno ci rinnova il suo amore... fino a dare la vita per noi!

G. In questo secondo momento, contempliamo con Marta e Maria, la nostra risposta di fede all'amore paziente e attento di Gesù, una fede vacillante, sempre incerta e sempre da rinnovare...

paoline gesu lazzaro morte risurrezione 2Dal vangelo secondo Giovanni (Gv 11, 17-31)
3L. Quando Gesù arrivò, trovò Lazzaro che già da quattro giorni era nel sepolcro. Betània distava da Gerusalemme meno di tre chilometri e molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà»... (continua)

Tempo di silenzio e di confronto con la Parola

Canto: Grida forte il mio nome (dal CD di Francesco Buttazzo, in Guidati nel deserto, Paoline)


3. "Vieni fuori" ...

Una Parola di salvezza rivolta a Lazzaro, a Marta, a Maria, a noi. Siamo chiamati a uscire dal nostro sepolcro e andare incontro alla vita, alla storia, da risorti in Lui!

G. In questa terza parte della preghiera contempliamo la commozione di Gesù dinanzi al pianto delle sorelle di Lazzaro e dei Giudei. La forza della parola di gesù "Lazzaro, vieni fuori" è salvezza per lui e per ognuno di noi. Parola di liberazione e di vita nuova in Lui.

paoline gesu lazzaro morte risurrezione 3Dal vangelo secondo Giovanni (Gv 11, 32-45)
4L. Quando Maria giunse dove si trovava Gesù, appena lo vide si gettò ai suoi piedi dicendogli: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!». Gesù allora, quando la vide piangere, e piangere anche i Giudei che erano venuti con lei, si commosse profondamente e, molto turbato, domandò: «Dove lo avete posto?». Gli dissero: «Signore, vieni a vedere!». Gesù scoppiò in pianto. Dissero allora i Giudei: «Guarda come lo amava!». Ma alcuni di loro dissero: «Lui, che ha aperto gli occhi al cieco, non poteva anche far sì che costui non morisse?». Allora Gesù, ancora una volta commosso profondamente, si recò al sepolcro: era una grotta e contro di essa era posta una pietra. Disse Gesù: «Togliete la pietra!». Gli rispose Marta, la sorella del morto: «Signore, manda già cattivo odore: è lì da quattro giorni». (continua)

Dopo un tempo di silenzio e di preghiera con la Parola si invitano i partecipanti a Condividereuna un'espressione o una frase della Parola che ci colpito maggiormente e che si desidera portare nel cuore e nella vita.

Preghiera
C. Sei entrato nel mio dolore.
Forse non l'hai capito tutto.
Ma c'è stata tale partecipazione nei tuoi gesti,
tale tenerezza nei tuoi silenzi,
tale profondità nel tuo rispetto
che - e solo ora me ne accorgo -
sei stato tu il muro di sostegno
che ha retto la mia vita
nel suo momento più difficile,
l'appiglio cui mi sono aggrappato nell'attimo della vertigine,
la sponda che ha guidato
la corrente amara del mio cuore.
Sei stato un amico vero.
E qualunque cosa mai accada della nostra amicizia,
ora tu fai parte
della mia storia intimamente, sei inscritto nella carne
della mia esistenza
e nulla ti potrà mai cancellare.
Grazie Signore Gesù,
Fa' che non lo dimentichiamo mai.
           Di R. Reycend, da Autori vari, Una preghiera per ogni giorno, Paoline

Brevi preghiere spontanee: di ringraziamento, richiesta di perdono, di intercessione per noi e per la chiesa.
Ad ogni preghiera rispondiamo: Donaci di vivere in te, Signore

Padre nostro

Benedizione

Canto finale: dal proprio repertorio

scarica il PDF della preghiera

Canto: Grida forte il mio nome

Credo in te, Signore,
mia risurrezione e mia salvezza,
fonte della vera libertà.
Dal mio buio, dal mio nulla
tu mi chiami alla vita.

Apri il mio sepolcro, Signore,
chiamami alla vita con te!
Toglimi la pietra dal cuore.
Grida forte il mio nome,
Gesù! Grida forte il mio nome, Gesù!

Vieni in me, Signore,
spezza le catene del timore,
scioglimi le ali dell'amore.
Con la voce del mio pianto
grido a te la mia preghiera.

Apri il mio sepolcro, Signore,
chiamami alla vita con te!
Toglimi la pietra dal cuore.
Grida forte il mio nome,
Gesù! Grida forte il mio nome, Gesù

Di Francesco Buttazzo,  in Guidati nel deserto, Paoline

Guidati nel deserto - Paoline

Guidati nel deserto
Canti per la preghiera

Canti, ispirati ai temi classici dei Vangeli delle Domeniche di Quaresima, per sottolineare un incontro speciale, quello con Gesù, attraverso episodi e figure significative, come la Samaritana, il cieco nato, il figlio prodigo, Lazzaro.

acquista

 


Condividi

Blog

gesu-e-lazzaro-dalla-morte-alla-vita.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA