La dignità regale

Il tesoro nel cuore

Il vangelo ci rivela che, nel profondo, ciascuno di noi è chiamato ad essere re o regina, perché Cristo ci ha resi partecipi della dignità di figli di Dio; questa chiamata ci rende liberi di essere noi stessi fino in fondo e consapevoli che la vita è un dono prezioso.

persone - il tesoro nel cuore - paolinePersone... d'oro

L'oro è sempre stato qualcosa di speciale e prezioso a cui soltanto i ricchi e i potenti avevano diritto. Ai tempi dell'impero romano l'oro spettava all'imperatore. Solamente le sue statue potevano essere fatte d'oro. Anche nell'Antico Testamento l'oro è riservato ai re. Il regno d'oro di re Salomone è segno della benedizione divina. Nel battesimo anche noi siamo unti re e regine. Quando portiamo gioielli d'oro, non è per ostentare la nostra ricchezza, ma per sentirci re e regine

In basso trovi la riflessione da ascoltare e scaricare in MP3


parola -il tesoro nel cuore - paolineParole... d'oro

Dal Vangelo secondo Giovanni (18,33-36)
Pilato allora rientrò nel pretorio, fece chiamare Gesù e gli disse: «Tu sei il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te oppure altri te l'hanno detto sul mio conto?». Pilato rispose: «Sono io forse Giudeo? La tua gente e i sommi sacerdoti ti hanno consegnato a me; che cosa hai fatto?». Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».

pensieri - il tesoro nel cuore - paolinePensieri... d'oro

L'avidità crea dipendenza. E uno corre dietro all'altro e ognuno vuole superare l'altro. Il vero oro, invece, non ci vuole legare. L'oro del re rende liberi. Il re è consapevole della propria dignità. Non ha bisogno di accumulare oro esteriore. Conosce l'oro interiore e quello gli basta. La liturgia ecclesiastica prevede molte processioni: le rogazioni, la processione delle Palme, la processione del Corpus Domini. Quando andiamo in processione, avanziamo eretti e a passo lento. Non ci spostiamo semplicemente per un tratto. Prendiamo quel tragitto come un'esercitazione a sperimentare la nostra dignità regale. Le processioni solenni trasformano le persone.

riflessi - il tesoro nel cuore - paolineRiflessi del cuore

Dal di fuori non sono tenuto
ad apparire forte e superiore.
Forse mi sento addirittura
debole e impotente.
Ciò nonostante, queste parole [di Gesù]
mi dicono che in me c'è qualcosa
che nessuno mi può rubare.
C'è una dignità regale
che non devo dimostrare a nessuno.
Se ne sono consapevole e se la sento,
non mi paragono agli altri.
Sono libero di essere me stesso,
senza la pressione di dover fare
bella figura davanti agli altri.

brani tratti da: Anselm Grün, L'oro interiore. Alla ricerca della gioia e di altri tesori, Paoline


mio tesoro - il tesoro nel cuore - paolineIl mio ... tesoro

Signore, aiutami
a non inchinarmi dinanzi a nessuno
per paura o per adulazione.
Anche se altri mi accusano,
mi criticano, mi feriscono,
non possono derubarmi
della mia dignità regale
perché essa non è di questo mondo,
ma è concessa da Te,
che mi chiami a godere
del tuo Regno.

Progetto a cura di www.paoline.it
Redazione e scelta testi: Bruna Fregni
Voci: Romano Cappelletto, Silvia Mattolini, Bruna Fregni
Musica: Artisti vari, Adorazione, in Beatitudini, Paoline Audiovisivi
Realizzazione tecnica: Eleonora La Rocca


Condividi

la-dignita-regale.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA