Tra rose e spine

Il cuore dei giorni

«Invece di notare che le rose hanno le spine, notate che le spine hanno le rose». (Kenneth White)

Una delle principali cause delle difficoltà della condizione umana è che il nostro sguardo si sofferma troppo sugli eventi spiacevoli e troppo poco sulle realtà positive. Così, indossiamo occhiali dalle lenti amplificanti quando si tratta di vedere i difetti degli altri o i malfunzionamenti della nostra società; e siamo presi da miopia improvvisa quando dobbiamo fissare la nostra attenzione su persone dalle qualità magnifiche o su realtà esaltanti. Tutto accade come se la quotidianità fosse irta di difficoltà e i momenti felici fossero per così dire fortuiti.

Poiché la nostra predisposizione mentale è più orientata alle possibili catastrofi che alle probabili fortune, ci troviamo in seria difficoltà a orientare le nostre vele. Dimentichiamo che persino il vento contrario può essere usato per far avanzare la barca nella direzione desiderata.

La nostra prima abilità nel vivere dovrebbe consistere nel convertire il nostro sguardo, cominciando a considerare che il realismo non è necessariamente pessimista e che il fatalismo viene rinviato quando il coraggio prende il timone.


Da: François Garagnon, Il cuore dei giorni, Paoline


Condividi

tra-rose-e-spine.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA