Bambini nella tempesta

Il femminicidio è un evento traumatico non soltanto in sé, ma anche per quanti ne sono in diversa misura coinvolti. Le vittime indifese sono i figli, che da un giorno all’altro si ritrovano a essere «orfani speciali».

Nel bene e nel male i bambini portano per sempre i segni delle prime esperienze della loro vita e, in molto casi, sono segni positivi. Ci sono però situazioni, e non sono poche, in cui questi bambini portano i segni incancellabili del rifiuto, della violenza che arriva fino al limite estremo della morte. Esperienze che sono costretti a vivere dentro ambienti, quello familiare per esempio, che li dovrebbe proteggere.

Il libro, scritto da Teresa Bruno, psicologa e psicoterapeuta, affronta il tema drammaticamente attuale del femminicidio visto dalla parte dei bambini che vengono privati – molto spesso dagli stessi padri – della figura materna, mettendo a fuoco l’entità del fenomeno con dati e valutazioni della Commissione Ministeriale sul Femminicidio, tenendo conto anche delle ricerche a livello internazionale.

Sono pagine, quelle di Bambini nella tempesta, che descrivono la situazione in modo dettagliato, presentano linee guida e buone prassi di intervento, ma denunciano anche la necessità di una maggiore consapevolezza da parte della comunità per favorire interventi di recupero di questi “orfani speciali”.


Condividi

bambini-nella-tempesta.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA