Verso un "noi" sempre più grande

Si celebra il 26 settembre la 107ª Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.

Da più di un secolo la Chiesa celebra questa Giornata. Un'occasione di preghiera per una categoria umana da sempre vulnerabile e bisognosa di sostegno, ma anche uno stimolo per aumentare la consapevolezza e agire concretamente a favore di chi è "in movimento" sulla nostra terra.

La questione migranti e rifugiati non può essere ignorata. E mentre il dibattito politico su questo tema scade troppo spesso in prese di posizione ideologiche, gli eventi globali ne mettono in luce l'urgenza e, non di rado, la drammaticità. È il caso di queste ultime settimane, con la tragedia dell'Afghanistan, delle centinaia di migliaia di persone in fuga da un Paese perennemente martoriato.

Scrive papa Francesco nel Messaggio per la Giornata: «Siamo tutti sulla stessa barca e siamo chiamati a impegnarci perché non ci siano più muri che ci separano, non ci siano più gli altri, ma solo un noi, grande come l'intera umanità. Per questo colgo l'occasione di questa Giornata per lanciare un duplice appello a camminare insieme verso un noi sempre più grande, rivolgendomi anzitutto ai fedeli cattolici e poi a tutti gli uomini e le donne del mondo».

All'inizio del messaggio, Francesco cita l'enciclica Fratelli tutti, faro della sua azione pastorale e anche di questa Giornata. «Siamo chiamati – conclude il Papa - a sognare insieme. Non dobbiamo aver paura di sognare e di farlo insieme come un'unica umanità, come compagni dello stesso viaggio, come figli e figlie di questa stessa terra che è la nostra Casa comune, tutti sorelle e fratelli».

Per approfondire vai al nostro speciale Migranti e rifugiati


Condividi

verso-un-noi-sempre-piu-grande.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA