Articoli
Librerie
Eventi
Contenuto sito

Il pastore Simboli biblici In evidenza

Pubblicato in Conoscere la Bibbia
Scritto da 
06 Apr 2017

Prima di entrare nella terra promessa il popolo d'Israele viveva di pastorizia. I patriarchi erano pastori e, persino, Rachele, futura moglie di Giacobbe, pasceva le pecore (Gen 29,9). Da questa esperienza quotidiana, la figura del pastore delle pecore e degli agnellini diventa simbolo del rapporto unico tra Dio e del suo popolo che egli ama.

Dio è l'unico vero Pastore del popolo (Gen 48,15; 49,24; Sal 23; 80). Questa immagine, è collegata all'Esodo dall'Egitto, quando Dio «fece uscire» il suo popolo dall'Egitto e lo condusse verso la libertà, donandogli una terra dove vivere libero e felice (Es 3,10; cfr. At 7,36; 13,17; Eb 8,9). Dio, come pastore, cammina davanti alle pecore (Dt 1,30; Sal 68,8; Mi 2,13), le guida nel cammino, le difende dai nemici, le nasconde ai loro occhi, scandisce le tappe del loro cammino. Dona loro le quaglie, la manna (Es. 16,1-36) e l'acqua (Es.17,6). Durante l'esilio babilonese e al ritorno dall'esilio, Dio di nuovo 'farà uscire' il popolo che vive in mezzo alle genti dove era disceso (Ez 34,13). I profeti considerano questo ritorno nella terra un secondo Esodo più luminoso del primo perché fa uscire dalla schiavitù del peccato per vivere una nuova fedeltà all'alleanza.

Dio affida i compiti specifici del pastore a determinate persone che investe di autorità e responsabilità: i capi del popolo in particolare i giudici, i re (2Sam 5,2; Ez 34,2s.; 37,24; Ger 3,15). Mosè, Giosuè, i Giudici, Davide - e anche il re pagano Ciro (cfr. Is 45,2) - devono guidare il popolo, come pastori, secondo lo stile premuroso di Dio. Nel corso della sto-ria vi furono pastori infedeli i quali come mercenari sfruttarono le pecore/popolo lasciandolo andare in rovina. I profeti rivolgono loro minacce pesanti a nome di Dio. La sua collera «li spazzerà via» (Ger 23; Ez 34) ed egli promette un pastore secondo il suo cuore (Ez 34,23): grazie a lui, Israele «sarà salvato e abiterà nella sicurezza» (Ger 23,5ss).

I vangeli sinottici presentano Gesù come il pastore secondo il cuore di Dio che si muove a compassione per le folle, stanche e sbandate perché come pecore senza pastore e se ne prende cura: le sfama con il cibo (Mt 9,36) e le guida con l'insegnamento (Mc 6,34). Pastore pieno di misericordia cerca la pecora perduta e trovatala la conduce a casa (Mt 18,12-13; Lc 15,4-6). Dopo la sua risurrezione, secondo quanto aveva promesso, come pastore risorto, precede i suoi, smarriti e disorientati dagli eventi pasquali, sul monte che aveva loro indicato e li raccoglie intorno a sé (cfr. Mt 26,30-32; 28,16). Tornerà nella gloria per il giudizio escatologico (Mt 25,31-33).

Per il quarto evangelista Gesù è il bel pastore che conosce le sue pecore una per una e per esse dona la sua vita (Gv 10,11-15). E' anche la «porta» delle sue pecore. Senza di essa il gregge rimane chiuso e prigioniero nel recinto, ed è preda dei ladri (v. 9). La porta insinua che Gesù pastore 'bello e fedele' dona sicurezza. Se la porta costituisce l'accesso all'ovile questo posto è occupato da Gesù, l'unico che mette in comunicazione con il Padre.

Da Sapere

La conclusione della lettera/discorso agli Ebrei interpreta l'Esodo dall'Egitto alla luce della morte e risurrezione di Gesù. Mosè, come pastore, fece salire il popolo dall'Egitto liberandolo dalla schiavitù; Gesù, invece, è «il Pastore grande delle pecore» che Dio ha fatto salire non soltanto dal mare ma, con la sua risurrezione, "dai morti" , rendendo possibile ai credenti, uniti a lui, di operare ciò che è gradito a Dio (Eb 13,20;cfr.1 Pt 2,25).

 

Per approfondire, la Redazione web consiglia:

9788831544719 p

Esodo
Nuova versione introduzione e commento

Questo testo della Bibbia è un viaggio dell'uomo verso Dio, ma anche e soprattutto un viaggio di Dio verso l'uomo; è lui infatti il soggetto principale della storia esodale, come testimonia l'immenso spazio che la narrazione riserva al dialogo tra YHWH e Mosè.  

acquista

Filippa Castronovo

Figlia di san Paolo, licenziata in teologia biblica presso la Pontificia Università Gregoriana, ha lavorato nel settore catechistico e ha insegnato al Pontificio Istituto Superiore di Scienze Religiose, Regina Mundi (Roma).
Tiene corsi di approfondimento biblico, di spiritualità e incontri sulla Lectio divina, temi sui quali ha scritto libri e articoli per varie riviste.
Collabora con l'Associazione Biblica Italiana.

Newsletter