5. Allestimento in videoconferenza

Si può fare! - Distanziamento e spettacoli scolastici

Molte scuole, per la didattica a distanza, si sono organizzate con piattaforme e programmi. Uno dei più conosciuti per videoconferenze e incontri on line è per esempio Zoom, che consente di mettere in comunicazione audio-video, in tempo reale, più persone contemporaneamente.

Se proprio non riusciamo a preparare uno spettacolo in un video "chiuso", col montaggio, vuoi perché è un lavoro più lungo e il tempo non c'è, vuoi perché è effettivamente più complesso, o anche perché non tutti i ragazzi in casa dispongono di mezzi adeguati, una possibilità di allestimento più veloce è realizzare uno spettacolo (in senso lato: può essere una lettura, oppure dialoghi, oppure un po' e un po') appoggiandosi al sistema che si usa per le lezioni a distanza, in videoconferenza.
Ovviamente ci si dovrà regolare come per uno spettacolo dal vivo: come va, va. Non si ripete. Si può scegliere di allestire delle performance e delle letture estemporanee così, al volo. A volte nascono delle belle esperienze proprio in questo modo e forse l'opportunità delle piattaforme on line si può sfruttare in modo creativo anche per quest'eventualità.

La classe online - Opzioni

Molti di noi hanno sicuramente visto un video sui social, nelle settimane passate. Era la lettura a tavolino di un film classico, Fast Times At Ridgemont High, fatta da un cast stellare di Hollywood. Si trattava di un'iniziativa a scopo benefico, realizzata da attori famosi, ognuno collegato da casa sua. Certo, noi non pretendiamo di essere Brad Pitt o Julia Roberts... ma l'idea la possiamo sempre copiare, no?
Possiamo considerarla una prova, una lettura a tavolino, o lo spettacolo stesso, se preparato prima.
Si può decidere di imparare le parti a memoria, o di leggere. Si possono eventualmente inserire contributi multimediali (filmati, musiche ecc.) in tempo reale.
Ovviamente si dovrà considerare tutto in forma statica, al massimo prevedendo pochi movimenti con le parti del corpo che si vedono: testa, braccia, mani.
Tutti i partecipanti avranno un copione da seguire, con le loro parti da leggere (o da sapere a memoria).
Si può anche cantare tutti insieme, anche se non è facilissimo, sia per un buon ascolto della base, sia per eventuali ritardi nella ricezione della rete per alcuni.

Non si può pretendere con questo sistema di allestire un musical, ma senza grande fatica e senza impiego di troppo tempo permetterà a una classe di preparare un incontro "artistico" di Natale o di fine anno scolastico dignitoso e simpatico, anche con gli inevitabili inciampi che potrà avere. E proprio per questo potenzialmente molto divertente.
Tra l'altro, molti programmi permettono di registrare l'incontro (anche Zoom) e così la performance non andrà perduta, ma potrà essere rivista e ricordata.

Accorgimenti e idee

si puo fare teatro distanziamento scuola videoconferenza puntata 05 1

Bisognerà, in tutto questo, fare attenzione alla durata del nostro incontro. Verifichiamo il limite massimo che le piattaforme ci consentono e cerchiamo comunque di non dilungarci.
Ogni partecipante, visibile nel proprio riquadro video, può solitamente gestire anche l'audio, arrivando e disattivando il microfono. Nel momento in cui non si parla, è bene disattivarlo, perché vari microfoni accesi contemporaneamente creano disturbo e abbassano la qualità generale del collegamento.
Se vogliamo pianificare la nostra performance, in modo che non sia solo una lettura a tavolino, o una prova, ma qualcosa di più "pulito", possiamo dare a ogni partecipante precise istruzioni anche su abbigliamento e sfondo.
Abbigliamento: non consiglierei (a meno che non ci siano già) di confezionare appositamente dei costumi per l'occasione, ma con qualche accessorio si può creare un bel colpo d'occhio. Per esempio: tutti vestiti di nero o bianco, o tutti di colori diversi a tinta unita. I personaggi possono essere identificati da piccoli elementi (un cappello, un foulard, un mantello, un orologio, una corona, uno scettro ecc.).
Si può anche cercare di armonizzare gli sfondi: se tutti potessero sistemare dietro di loro un cartoncino, neutro (nero, bianco) o colorato, anche alternando due colori, si potrebbe creare, voledo, uno sfondo generale più omogeneo e piacevole.

Se si legge, è bene ricordare ai ragazzi di non tenere sempre gli occhi sul foglio, ma cercare ogni tanto di guardare la telecamera. E mentre uno legge, si può fare in modo che qualcun altro compia dei gesti, o mostri dei disegni, delle sagome, degli oggetti.
L'insegnante poi, o chi coordina per lui, avrà la possibilità di gestire la regia degli interventi (portando in primo piano di volta in volta chi sta parlando).
Mi raccomando: registrare il tutto. Sarà bello rivederlo, da soli o in compagnia. Sarà un ricordo di un momento complicato, affrontato in modo creativo.
Resilienza è anche reagire agli eventi non positivi e trasformarli in un'occasione di novità e di nuove competenze.

Leggi anche:

1. La lettura scenica - 2. Canzoni da registrare - 3. Realizzare un video - parte prima - 4. Realizzare un video - parte seconda - 5. Allestimento in videoconferenza - 6. Coreografie in video


Condividi

Blog

5-allestimento-in-videoconferenza.html

Articoli correlati

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato su iniziative e novità editoriali
Figlie di San Paolo © 2022 All Rights Reserved.
Powered by NOVA OPERA